LUIGI PELLANDA
Luigi Pellanda è nato a Bassano del Grappa nel 1964. Artista   autodidatta   coltiva   la   sua   passione   per   l'arte   fin   dai   primi   anni   Settanta,   periodo   in   cui   esperimenta   molteplici   discipline artistiche   praticate   dai   numerosi   fratelli,   passando   dalla   musica,   alla   ceramica,   alla   pittura,   con   disinvolta   naturalezza.   Ma   è   la visione   dei   dipinti   di   Caravaggio   che   lo   segna   profondamente:   dai   tempi   della   scuola   il   grande   artista   ha   rappresentato   il   suo ideale   obiettivo   di   un   modo   di   fare   "pittura"   grazie   ai   suoi    forti   contrasti   di   luci   ed   ombre.   Nel   1980,   a   sedici   anni,   si   aggiunge   alla pittura   anche   la   modellazione   della   creta   nell'azienda   di   ceramiche   artistiche   del   fratello       maggiore,   collaborando   anche   come designer,   impegnandosi   in   una   ricerca   personale   e   più   contemporanea,   uscendo   dai   tradizionali   canoni   di   forma   della   ceramica Novese   e   Bassanese.   La       passione   per   la   natura,   in   particolare   per   la   fauna   e   la   botanica,   diventa   spunto   ed   ispirazione       per dipinti   a   tempera   su   tavola   che   impegnano   la   sua   ricerca   personale   per   gran   parte   degli   anni   ottanta.   Nel   1991    si   dedica   con intensità   allo   studio   della   natura   morta.   Allo   stesso   periodo   risale   anche   la   prima   Esposizione   Personale   di   Bassano   del   Grappa (Vicenza),   che   segnerà   definitivamente   il   suo   percorso   artistico   e   professionale.   Nel   1993,   a   soli   due   anni    dalla   prima   esposizione, già   collabora   con   note   gallerie   d'arte   a   livello   nazionale,   partecipando   alle   più   importanti   fiere   d'arte   contemporanea.   Nel   1996, dopo   aver   ammirato   un   acquaforte   di   Giovanni   Barbisan   in   una   mostra   sull’incisione   al   museo   di   Bassano   del   Grappa   si appassiona   all’arte   incisoria   e,   dopo   aver   acquisito   la   tecnica   dall’amico   incisore   Gabriele   Bordignon,   ed   essersi   procurato   tutto   il materiale necessario, esegue una serie di incisioni personalmente curate e stampate nel suo studio. Nel   2002   realizza   la   sua   prima   mostra   "Antologica   1986/2002",   curata   personalmente   e   patrocinata   dal   Comune       di   Marostica     (Vicenza),   in   cui   un   centinaio   di   opere   pittoriche   e   scultoree   vengono   esposte   al   pubblico   presso   le   sale   del   prestigioso   Castello Inferiore e visitate da più di novemila visitatori in soli quindici giorni. Nel   2002   inizia   una   collaborazione   in   esclusiva   con   la   Galleria   d’Arte   Cinquantasei   di   Bologna   che   terminerà   nel   2017,   portando   la diffusione   delle   sue   opere   a   livello   nazionale   tramite   l’esposizione   nelle   più   importanti   fiere   d’arte    italiane:   Bari,   Bologna,    Brescia, Catania,   Firenze,   Forlì”,   Genova,   Padova,   Reggio   Emilia,   Verona,   Cremona,   Modena,   Perugia,   Bergamo,   Napoli,   Torino,   Vicenza, Viterbo, Milano, Parma, ecc. Nel 2003 annovera già un’ottantina di Mostre personali al suo attivo. Ha esposto a Dallas (USA), Colonia (Germania), e Klagenfurt (Austria). Fra    le    mostre    più    importanti    ricordiamo:    Antologica    al    Castello    inferiore    di    Marostica,    Vicenza,    Personale    alla    Galleria      Cinquantasei,   Bologna,   2003;   Figure   e   Figure.   Da   Favretto   a   Pellanda,   a   cura   di   S.   Pegoraro,   Bologna,   2003;   Personale,   San    Paolo Private   Banking,   Padova,   2004;   Antologica   con   Opere   dal   1985   al   2005,   a   cura   di   R.   Bossaglia,   Galleria   Cinquantasei,   Bologna, 2005;   Mito   Auto   Moto   2,   Motor   Show,   Bologna,   2006;   L’Indagine   sul   Novecento,   a   cura   di   C.   Poppi,   Galleria   Cinquantasei, Bologna,   2007;   Primo   e   Secondo   900   a   cura   di    E.   Serri,   Bologna,   Galleria   Cinquantasei,   2009.   Nello   stesso   anno   gli   viene assegnato   il   Premio   Internazionale   Umoristi   a   Marostica   per   la   sezione   Cartoon.   Nel   2011   partecipa,   su   invito,   alla   Biennale   di Venezia.   54   Padiglione   Italia   curata   da   Vittorio   Sgarbi.   Nel   2012,   2013   e   2014   viene   invitato   ad   esporre   con   una   personale   ad   una delle    più    importanti   manifestazioni   artistiche   asiatiche   “Art   Revolution   Taipei"   (Taiwan).   Nel   2016   gli   viene   dedicata   un   Antologica “30Anni  d’Arte” alla Galleria Cinquantasei di Bologna. La   fotografia   che   lo   ha   accompagnato   dietro   le   quinte   per   questi   suoi   primi   30   anni   di   carriera,   nel   2016,   a   fianco   della   pittura diventa a tutti gli effetti una sua nuova forma d’arte, mantenendo il gioco di luci ed ombre caratteristiche dei suoi dipinti. Nel 2017 partecipa alla Biennale  “Bassano Fotografia” con un’esposizione Personale di fotografia Fine-Art intitolata “Natural Art”. Nel   2018   espone,   in   coppia   con   la   scultrice   Mirella   Guasti,   con   una   suggestiva   personale   presso   lo   Stadio   Di   Domiziano, prestigiosa sede dell’antica Roma, patrimonio dell’Unesco.  
LUIGI PELLANDA
Luigi   Pellanda   è   nato   a   Bassano   del   Grappa   nel 1964. Artista   autodidatta   coltiva   la   sua   passione   per   l'arte fin   dai   primi   anni   Settanta,   periodo   in   cui   esperimenta   molteplici   discipline artistiche   praticate   dai   numerosi   fratelli,   passando   dalla   musica,   alla   ceramica, alla    pittura,    con    disinvolta    naturalezza.    Ma    è    la visione    dei    dipinti    di    Caravaggio    che    lo    segna profondamente:   dai   tempi   della   scuola   il   grande artista   ha   rappresentato   il   suo   ideale   obiettivo   di   un modo   di   fare   "pittura"   grazie   ai   suoi    forti   contrasti di    luci    ed    ombre.    Nel    1980,    a    sedici    anni,    si aggiunge   alla   pittura   anche   la   modellazione   della creta     nell'azienda     di     ceramiche     artistiche     del fratello         maggiore,    collaborando    anche    come designer,   impegnandosi   in   una   ricerca   personale   e più     contemporanea,     uscendo     dai     tradizionali canoni   di   forma   della   ceramica   Novese   e   Bassanese.   La       passione   per   la natura,   in   particolare   per   la   fauna   e   la   botanica,   diventa   spunto   ed   ispirazione     per   dipinti   a   tempera   su   tavola   che   impegnano   la   sua   ricerca   personale   per gran   parte   degli   anni   ottanta.   Nel   1991    si   dedica   con   intensità   allo   studio   della natura   morta.   Allo   stesso   periodo   risale   anche   la   prima   Esposizione   Personale di    Bassano    del    Grappa    (Vicenza), che   segnerà   definitivamente   il   suo percorso    artistico    e    professionale. Nel    1993,    a    soli    due    anni     dalla prima     esposizione,     già     collabora con   note   gallerie   d'arte   a   livello   nazionale,   partecipando   alle   più   importanti fiere   d'arte   contemporanea.   Nel   1996,   dopo   aver   ammirato   un   acquaforte   di Giovanni   Barbisan   in   una   mostra   sull’incisione   al   museo   di   Bassano   del   Grappa si   appassiona   all’arte   incisoria   e,   dopo   aver   acquisito   la   tecnica   dall’amico incisore   Gabriele   Bordignon,   ed   essersi   procurato   tutto   il   materiale   necessario, esegue una serie di incisioni personalmente curate e stampate nel suo studio. Nel    2002    realizza    la    sua    prima    mostra    "Antologica    1986/2002",    curata personalmente   e   patrocinata   dal   Comune       di   Marostica       (Vicenza),   in   cui   un centinaio   di   opere   pittoriche   e   scultoree   vengono   esposte   al   pubblico   presso   le sale   del   prestigioso   Castello   Inferiore   e   visitate   da   più   di   novemila   visitatori   in soli quindici giorni. Nel    2002    inizia    una    collaborazione    in    esclusiva    con    la    Galleria    d’Arte Cinquantasei   di   Bologna   che   terminerà   nel   2017,   portando   la   diffusione   delle sue   opere   a   livello   nazionale   tramite   l’esposizione   nelle   più   importanti   fiere d’arte    italiane:   Bari,   Bologna,    Brescia,   Catania,   Firenze,   Forlì”,   Genova,   Padova, Reggio   Emilia,   Verona,   Cremona,   Modena,   Perugia,   Bergamo,   Napoli,   Torino, Vicenza, Viterbo, Milano, Parma, ecc. Nel 2003 annovera già un’ottantina di Mostre personali al suo attivo. Ha esposto a Dallas (USA), Colonia (Germania), e Klagenfurt (Austria). Fra   le   mostre   più   importanti   ricordiamo:   Antologica   al   Castello   inferiore   di Marostica,    Vicenza,    Personale    alla    Galleria         Cinquantasei,    Bologna,    2003; Figure   e   Figure.   Da   Favretto   a   Pellanda,   a   cura   di   S.   Pegoraro,   Bologna,   2003; Personale,   San    Paolo   Private   Banking,   Padova,   2004;   Antologica   con   Opere dal   1985   al   2005,   a   cura   di   R.   Bossaglia,   Galleria   Cinquantasei,   Bologna,   2005; Mito   Auto   Moto   2,   Motor   Show,   Bologna,   2006;   L’Indagine   sul   Novecento,   a cura   di   C.   Poppi,   Galleria   Cinquantasei,   Bologna,   2007;   Primo   e   Secondo   900   a cura   di    E.   Serri,   Bologna,   Galleria   Cinquantasei,   2009.   Nello   stesso   anno   gli viene   assegnato   il   Premio   Internazionale   Umoristi   a   Marostica   per   la   sezione Cartoon.   Nel   2011   partecipa,   su   invito,   alla   Biennale   di   Venezia.   54   Padiglione Italia   curata   da   Vittorio   Sgarbi.   Nel   2012,   2013   e   2014   viene   invitato   ad   esporre con    una    personale    ad    una    delle     più     importanti    manifestazioni    artistiche asiatiche    “Art    Revolution    Taipei"    (Taiwan).    Nel    2016    gli    viene    dedicata    un Antologica “30Anni  d’Arte” alla Galleria Cinquantasei di Bologna. La   fotografia   che   lo   ha   accompagnato   dietro   le   quinte   per   questi   suoi   primi   30 anni   di   carriera,   nel   2016,   a   fianco   della   pittura   diventa   a   tutti   gli   effetti   una   sua nuova   forma   d’arte,   mantenendo   il   gioco   di   luci   ed   ombre   caratteristiche   dei suoi dipinti. Nel    2017    partecipa    alla    Biennale     “Bassano    Fotografia”    con    un’esposizione Personale di fotografia Fine-Art intitolata “Natural Art”. Nel   2018   espone,   in   coppia   con   la   scultrice   Mirella   Guasti,   con   una   suggestiva personale   presso   lo   Stadio   Di   Domiziano,   prestigiosa   sede   dell’antica   Roma, patrimonio dell’Unesco.